Come Realizzare Animali Marini in Gomma Crepla

Due anni fa mia figlia tornò da scuola con una corona viola, piena di piume e stoffe, bellissima, ed era opera della sua maestra, una bravissima maestra che ora ha in classe il piccolo. La corona era fatta di gomma crepla ed era la prima volta che vedevo questo materiale, ma me ne sono subito innamorata 🙂

L’ho cercata un po’ in giro e poi mi hanno detto che si comprava online, e quindi qualche mese fa è arrivato il pacco con i tanto desiderati fogli, e la cosa strana è che mi piace così tanto che mi dispiace usarla, cioè è strano per voi magari, ma io sono fatta così, se una cosa mi piace tanto tendo ad usarla poco per non farla finire (ci deve essere qualcuno strano a questo mondo no?)

Ieri abbiamo fatto questi pesciolini e per farli basta davvero pochissimo tempo e
fogli gomma crepla
una penna
occhietti mobili
forbici
animali in gomma crepla

basterà ritagliare sulla gomma crepla la sagoma degli animali che volte disegnare, io ho tracciato dietro con la matita e poi ho ritagliato, e poi attaccare gli occhietti adesivi e disegnare la bocca.

Visto che ci stavamo abbiamo aggiunto una medusa con il feltro e la spugna.

Ora non resta che giocare, e magari farne altri per infoltire la compagnia.

Come Preparare un Dado Vegetale in Casa

Il brodo vegetale è capace di insaporire il più semplice dei piatti ma quasi sempre non non si ha il tempo di farlo al momento e si utilizzano i dadi comprati, facili da usare e saporiti. I dadi comprati però non saranno mai come il brodo fatto in casa, e proprio per questo ho deciso di farlo da me seguendo una semplice ricetta. Ho usato verdure biologiche e sale marino integrale e una volta finito mi sono chiesta perchè non l’avessi fatto prima considerata la facilità del procedimento. Ho seguito la ricetta con il sale ma è possibile farne una versione senza che proverò la prossima volta.

Ho usato:
500 gr di verdure
200 gr di sale marino integrale
curry
olio d’oliva

Io ho usato 1 porro, due zucchine, un pezzetto di zucca, 1 cipolla fresca, 1 carota, 1 costa di sedano, prezzemolo e curry.

Ho tagliato tutto a pezzettini piccoli e ricoperto con un filo di olio, curry e sale

Ho fatto cuocere il tutto per un’ora e poi ho frullato, la consistenza deve essere quella di una crema tipo il pesto, se è troppo liquida fate addensare un pochino sul fuoco.

Ho messo tutto in un barattolo con chiusura ermetica e una volta raffreddato ho riposto in frigo dove si conserva fino a tre mesi.
La scelta delle verdure e delle spezie ed erbe da usare è soggettiva, si può scegliere qualsiasi abbinamento evitando di usare le patate.
La prossima volta proverò quello senza sale e quello da fare a crudo e vi dirò.
Sembra ottimo e staserà lo sperimenterò.

Come Preparare Pizza di Pane

Stare in cucina è un’arte. L’arte di arraggiarsi o di cucinare benissimo, di riuscire a tirar fuori grandi cose in poco tempo, l’arte di riconoscere di non saper cucinare. Non importa a quale categoria tu appartenga, il pane pizza è perfetto per tutti.

Io, senza falsa modestia, sono abbastanza brava, mi piace cucinare, sperimentare nuove ricette e nuovi sapori, ma non sempre mi va. Ci sono giornate in cui camperei solo di pane e maionese, latte e biscotti, tortellini. Ovviamente avendo famiglia questo non è possibile, ancora non sono riuscita a trovare la soluzione per cucinare con il pensiero quando non ne ho voglia. Ci stanno giorni che apro il frigo e mi diverto, faccio la pasta in casa e cerco ricette mai fatte, e poi ci stanno giorni che proprio non mi va.

Uno dei miei cavalli di battaglia sono le pizzette di pane, facili, veloci e gustose. Piacciono a tutti, quindi come tecnica di sopravvivenza sono perfette ;). Inoltre sono buone da mangiare anche durante una merenda un po’ alternativa, se fatte quando ci sono gli amici dei figli in casa è una certezza di riuscita.

Io le faccio sempre come la classica pizza, quindi passata di pomodoro con olio sale e origano, mozzarella o provola e in forno caldo per 7/8 minuti scarsi.

Le varianti però sono infinite, così come con la pizza, quindi potete aggiungere del prosciutto, del salame e se non avete mozzarella potete grattugiare del Parmigiano. La versione bianca con verdure e scamorza, con zucchine sbollentate e provola affumicata. La fantasia in cucina è un’alleata perfetta!

Qui sono sempre un successo, lo saranno anche a casa vostra.

Come Preparare Frittata di Verdure

Non so se perché mi piace, o solo per fortuna, mi vengono benissimo entrambe le cose; la pizza fatta da me è l’unica che mio figlio mangia, e la frittata la faccio nel padellone, così da poterne mangiare una dose vergognosa. E credetemi se dico vergognosa 😉

Per una qualche stranissima ragione, credo più per una congiunzione astrale, le piante sul mio balcone stanno sopravvivendo, e tra queste ci sta anche l’erba cipollina. Quest’anno ha fatto anche dei bellissimi fiori, una cosa che quando mi ha affaccio mi provoca quasi commozione. Io sono quella che ha ucciso non so quante piante di basilico, anche se dicono che sia facile da coltivare, ma in compenso mi sta crescendo una bieta meravigliosa. Valle a capire le piante…

Comunque dicevo che ho questa erba cipollina e l’altro giorno ho pensato di farci una frittata unendola agli asparagi. Se dico che ne è venuta fuori una cosa goduriosa mi credete? Ecco, lo giuro.

Ingredienti [da 2 a 5 persone in base a quanto ne mangiate ;)]
5 uova (io sempre biologiche ed il perché è qui)
50 gr di grana
Un goccio di latte
Un mazzetto di asparagi
Qualche filo di Erba cipollina
Sale e pepe
Olio extra vergine di oliva

Fate a pezzettini piccoli gli asparagi e lasciate cuocere un po’ in padella con un po’ di olio e acqua, lasciando le punte da parte. Quasi a fine cottura degli asparagi, aggiungete le punte che così rimarranno più croccanti. Dopo circa 10/15 minuti, in base alla cottura degli asparagi, aggiungete l’uovo sbattuto con grana, erba cipollina sminuzzata, latte, sale e pepe, e lasciato cuocere a fiamma bassa finché la parte di sotto non risulta dorata. Prendete allora un piatto o un coperchio girafrittata e giratela con molta attenzione (eh sì, più di una volta mi è caduta nel lavandino durante questa operazione). Aspettate altri 2/3 minuti e servite

Come Preparare Riso Integrale con Porri e Noci

Questo risotto ai porri e noci è un esperimento, di quelli che faccio nei fine settimana quando ho più tempo e mi va di sperimentare. Durante la settimana spesso arrivo all’ora di pranzo con metà delle cose fatte e con nessuna voglia di cucinare, invece il weekend regala sempre un po’ di tranquillità e voglia di mettersi ai fornelli.
Spesso in queste giornate vorrei abitare in una casa lontana da tutto, dai rumori, dalla gente, con una finestra da cui vedere soltanto verde e cielo, e questi piatti nascono da questa voglia di natura e di naturale, di semplicità e pensieri liberi.
Io sono convinta che il cibo sia molto di più di quello che mangiamo, e sono arrabbiata con me stessa per non riuscire a mangiare sempre così, così quando lo faccio mi gusto ogni singola ricetta.

Ingredienti
due tazze medie di riso semi integrale bio, io uso quello Ecor
2 porri
8/10 noci
Olio
Sale

Pulite il riso eliminando i chicchi non buoni e sciacquandolo sotto l’acqua. Cucinatelo in pentola pressione con la proporzione di 1 tazza di riso e 1 e 1/2 di acqua, venti minuti dal fischio. Se non avete la pentola a pressione procedete con la cottura classica.
A parte pulite i porri e tagliateli a fettine sottili, dorateli in padella pochi minuti e poi stufateli con poca acqua, a fiamma bassa e coperti.

Pulite le noci e schiacciatele in maniera non uniforme, poi fatele sudare in padella qualche minuto, ma mi raccomando non troppo perché le fareste diventare troppo amare.
Quando il riso sarà cotto amalgamatelo insieme ai porri e alle noci riaccendendo per due minuti il fornello.